L'ALLARME
Malattie sessuali, in crescita i casi di gonorrea
Malattie sessuali, in crescita i casi di gonorrea

Rapporti sessuali non protetti, aumento dei viaggi all'estero, terapie a singhiozzo o non adeguate. Così si moltiplicano nel mondo i casi di gonorrea resistenti agli antibiotici, persino a tutti quelli esistenti. Cosa che sta rendendo questa infezione trasmessa per via sessuale molto difficile, a volte quasi impossibile, da trattare. Il monito arriva dall'Organizzazione mondiale della sanità, che su Plos Medicine fa il punto sul fenomeno con una ricerca ad hoc. Ogni anno si stima che 78 milioni di persone vengano infettate dalla gonorrea.

Dati provenienti da 77 Paesi e relativi al 2009-2014 indicano che il 97% ha riportato infezioni da ceppi resistenti alla ciprofloxacina, l'antibiotico più usato, con un aumento della resistenza all'azitromicina (81%); inoltre, colpisce l'emergere della resistenza al trattamento di ultima spiaggia con cefalosporine ad ampio spettro (cefixime o ceftriaxone, 66%). In più di 50 Paesi è segnalata una resistenza al cefixime. E in diversi casi si è riscontrata una
resistenza a tutti gli antibiotici disponibili.

«Questi casi possono essere solo la punta dell'iceberg, perché il sistema che rileva le infezioni multi-resistenti non è implementato nei Paesi a basso reddito, che sono quelli dove l'infezione è più comune - spiega Teodora Wi, esperta dell'Oms - Il batterio che causa la gonorrea è particolarmente intelligente», ricorda. «Ogni volta che usiamo una nuova classe di antibiotici per trattare l'infezione, i batteri evolvono per resistere a questi medicinali».

Lunedì 10 Luglio 2017, 21:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
staibene.it