LA SCOPERTA
Leucemia, dimezzati i rischi post trapianto: un'italiana ha elaborato la terapia rivoluzionaria
di Luisa Mosello
Trapianto del midollo osseo

Nella lotta contro la leucemia, la ricerca parla sempre di più italiano. Lo fa attraverso la voce di una dottoressa del Policnico bolognese Sant’Orsola Malpighi, Francesca Bonifazi, segnalata dal prestigioso giornale New England journal of Medicine per uno studio rivoluzionario.  E’ stata lei, trapiantologia di 46 anni e mamma di tre bambini, insieme ad altri due colleghi, uno spagnolo e uno tedesco, a mettere a punto un nuovo metodo terapeutico che può evitare un grosso problema per i pazienti che combattono contro questa malattia.
Ovvero il rischio di complicanze gravi che spesso si presentano dopo i trapianti di midollo osseo.
Il metodo si chiama `Graft versus host disease´ (Gvhd) e significa letteralmente lotta contro la patologia dell’ospite e ha già ottenuto grossi risultati.  La mortalità post-trapianto  è infatti scesa dal 68% al 32%.

Nello studio di portata internazionale i tre scienziati, con la Bonifazi in testa, hanno evidenziato un’ipotesi di grande impatto clinico. Ovvero che l’aggiunta di un siero contro i linfociti (detto Atg) al regime standard di preparazione al trapianto  riesca a ridurre in maniera concreta la possibilità di temibili complicanze. Soprattutto senza che questa modifica influenzi in alcun modo l’efficacia dell’operazione o ne pregiudichi i risultati.

La ricerca ha preso in esame 161 pazienti con leucemia acuta che avevano utilizzato questo metodo  prima del trapianto da cellule staminali emopoietiche da cellule staminali periferiche. Rimanendo in osservazione per un lasso di tempo di due anni, si è dimostrata la diminuzione delle complicanze che si sono quasi dimezzate. Insieme all’aumento della speranza nel futuro per tanti malati.

Domenica 10 Gennaio 2016, 18:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
staibene.it